Arizona Loading

9 dicembre 2020 -Richiesta modifica DPCM 3.12.20202 relativamente a divieto spostamenti tra Comuni

Home La Provincia / Comunicazioni Presidenza - Archivio / 2020 9 dicembre 2020 -Richiesta modifica DPCM 3.12.20202

COMUNICAZIONE DELLA PRESIDENZA

 

 

RICHIESTA MODIFICA DPCM 3 DICEMBRE 2020  RELATIVAMENTE AL DIVIETO DI SPOSTAMENTI TRA UN COMUNE E L’ALTRO NEI GIORNI 25 E 26 DICEMBRE E 1 GENNAIO

 

Come  Presidente di una Provincia a Specificità Montana, il Verbano Cusio Ossola, ritengo la norma che riguarda le restrizioni per i piccoli Comuni, rispetto alle città,  discriminatoria e lesiva dei diritti costituzionali degli abitanti dei Comuni montani così come di tutti i piccoli Comuni italiani.

La norma fa inoltre emergere un ingiustificato privilegio di mobilità riservato alle estese realtà urbane dotate di rilevanti servizi, in contraddizione con le reali esigenze di contrasto alla pandemia.  Di ciò convinto ho sempre ritenuto e richiesto che fossero tenute in debito conto le dimensioni provinciali quale ambito di mobilità idoneo a garantire una adeguata disponibilità di servizi, paragonabile a quella garantita dal DPCM in oggetto agli abitanti delle città.

Grazie all’avanzare di motivazioni, frutto della conoscenza della realtà e della cultura della montagna italiana, è emersa in diverse regioni, senza distinzione politica, la richiesta di una modifica della specifica norma del DPCM  che, nel doveroso rispetto del contrasto alla pandemia, rendesse possibile una omogeneità di trattamento a tutti i cittadini in termini di mobilità e disponibilità di servizi nel periodo natalizio.

In omaggio al dettato costituzionale di “bilanciamento”  tra diritto alla salute della collettività da un lato e di tutti gli altri diritti costituzionali “inviolabili” dall’altro lato.

Ritengo quindi doveroso esprimere a nome della comunità provinciale un particolare ringraziamento al Presidente della Regione Alberto Cirio e al Presidente dell’Unione delle Province Italiane Michele De Pascale, per essersi impegnati nelle sedi governative competenti per modificare il citato DPCM.

 

Il Presidente

Dott. Arturo Lincio